Telecontrollo, il Grande Fratello dell’energia elettrica

Energia
Telecontrollo, il Grande Fratello dell’energia elettrica

È attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24, pronto a monitorare il corretto andamento della rete e a intervenire tempestivamente in caso di guasti e malfunzionamenti. Parliamo del Centro di Telecontrollo: un vero e proprio Grande Fratello dell’energia elettrica un enorme sistema di vigilanza integrata, in cui personale esperto lavora con il supporto di sofisticate tecnologie per assicurare una distribuzione ottimale dell’energia elettrica a bassa, media e alta tensione, e del gas.

In Alto Adige, gli oltre 9.000 km di linee, con i relativi impianti e le connesse infrastrutture, sono gestiti da Edyna, affiliata Alperia che si occupa della distribuzione di energia in Alto Adige, e controllati costantemente attraverso il Centro di Telecontrollo di Bolzano. Nel Centro opera personale bilingue che raccoglie le segnalazioni sia telefonicamente sia in maniera automatica. Tutti gli elementi principali della rete, infatti, sono dotati di apparecchiature che rilevano anomalie e guasti e le trasmettono – con una comunicazione in fibra ottica o attraverso linee di cellulari -, al Centro che ha il potere di manovrare gli elementi presenti sulla rete per garantire la corretta erogazione di energia elettrica. Attraverso i sensori posti sulle cabine, in alcuni punti strategici della rete, è infatti possibile non solo verificare in tempo reale eventuali disservizi, ma anche – per le casistiche non di grave entità - intervenire da remoto, così da risolvere i guasti in tempi molto rapidi. Nei casi più complessi, invece, è richiesto l’intervento degli operatori sul campo. 

Telecontrollo

Cosa può originare un guasto sulla rete e la conseguente interruzione di corrente? Le motivazioni possono essere diverse: si va da una condizione metereologica avversa (es: un fulmine durante un temporale colpisce la linea) alla caduta di un ramo su un filo, dall’intervento di cause esterne ad alcuni guasti interni (come ad esempio la rottura di un giunto). Attraverso il Centro di Telecontrollo è possibile avere sempre il quadro di ciò che sta accadendo, attivando prontamente un intervento di risoluzione. Durante un temporale o una nevicata, ad esempio, il Centro rileva un’infinità di allarmi con disalimentazione diffusa e attiva di conseguenza gli interventi di ripristino. Attenzione: nessun distributore di energia toglie la rete in caso di temporale, le linee restano sempre in servizio ma quando avviene una scarica per colpa dei campi magnetici che la originano, è possibile che si verifichi un guasto. Guasto che, come detto, sarà segnalato al Centro in maniera immediata generando una risposta istantanea.

Non solo. Il Centro di Telecontrollo agisce anche come il personale della torre di controllo di un aeroporto: monitora la pista (o rete, in questo caso), evita traffico e congestioni e dirige il passaggio degli aeromobili (ovvero, guida la tensione così che non si creino degli accumuli e dei sovraccarichi nelle reti). Tutto ciò che viene registrato dal Telecontrollo deve poi essere conservato e messo a disposizione dell’Autorità, ARERA, che attiva numerosi controlli per verificare che la condotta della rete avvenga in maniera corretta. Tale verifica è ancorata a due parametri: SAIFI e SAIDI. Tali parametri garantiscono che le interruzioni siano registrate nello stesso modo: se si superano i limiti imposti dall’Autorità, il gestore è tenuto a pagare delle penali. In caso contrario, invece, quindi in caso di rispetto dei limiti, avrà diritto a degli incentivi che potrà reinvestire per migliorare l’efficienza e la continuità del servizio.

Grazie all’innovazione, nel tempo i sistemi di rilevazione del guasto lungo le linee si sono evoluti e perfezionati, consentendo così di essere sempre più veloci nell’individuazione del problema e nell’intervento che viene spesso risolto in maniera automatica. Tutto ciò ha consentito a Edyna di mantenere i suoi parametri entro i limiti previsti, perseguendo con costanza l’obiettivo del miglioramento continuo.

Leggi anche

Lago Verde - Val d'Ultimo, Alto Adige
Energia

Se si vuole davvero sapere quanto può essere duro lavorare sulle dighe, dovrebbe andarci durante i lunghi mesi invernali. Certi giorni i guardiani non escono nemmeno dalla porta di casa; per fare le misurazioni periodiche usano le gallerie sotto le dighe. 

7 Min
Stories