Alperia sostiene anche i clienti privati

Sei un cliente di Alperia e sei rimasto disoccupato o sei in cassa integrazione?
Alperia ti regala due mesi di energia elettrica* per la tua abitazione principale!

Alperia ha avviato un'iniziativa per supportare i privati che sono in difficoltà a causa della situazione attuale. Tutti i clienti Alperia che nel periodo dal 5 marzo al 31 maggio 2020 sono entrati in stato di disoccupazione o che sono stati messi dal proprio datore di lavoro in cassa integrazione (da comprovarsi mediante adeguata documentazione) e che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica sul mercato libero riceveranno per due mesi energia elettrica per l'abitazione principale a titolo gratuito.

L‘iniziativa riguarda esclusivamente le voci in bolletta che sono di competenza di Alperia Smart Services: componente energia e commissione per vendita e servizio. In bolletta resteranno quindi solo le voci determinate dallo Stato e dall‘Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

 

Chi può beneficiare di questo aiuto?

L’iniziativa, che prevede la fornitura di energia elettrica* per due mesi a titolo gratuito per l’abitazione principale, è rivolta ai clienti privati di Alperia in possesso di tutti i seguenti requisiti:

  • hanno un contratto di fornitura di energia elettrica sul mercato libero 
  • hanno perso il lavoro oppure sono stati messi in cassa integrazione nel periodo tra il 5 marzo e il 31 maggio 2020 
  • non ricevono integrazione della retribuzione al 100% da parte del datore di lavoro

  

Come funziona?

Fare richiesta è semplice: basta inviare all’indirizzo covidemergency@alperia.eu l’apposito modulo (clicca qui per scaricare), insieme alla copia del documento di identità e alla documentazione comprovante lo stato di disoccupazione oppure di fruizione di cassa integrazione.

 

Tempistiche:

  • Richieste pervenute entro il 15 aprile 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di aprile e maggio 2020
  • Richieste pervenute entro il 10 maggio 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di maggio e giugno 2020
  • Richieste pervenute entro il 10 giugno 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di giugno e luglio 2020

Termine ultimo per la presentazione delle domande: 10 giugno 2020!

 

*L‘iniziativa riguarda esclusivamente le voci in bolletta che sono di competenza di Alperia Smart Services: componente energia e commissione per vendita e servizio. In bolletta resteranno quindi solo le voci determinate dallo Stato e dall‘Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Inviare il modulo a

covidemergency@alperia.eu

con la seguente documentazione:

  • Copia documento di identità

  • Documentazione comprovante lo stato di disoccupazione oppure di fruizione di cassa integrazione

 

Domande frequenti

Di seguito trovi le risposte alle domande più frequenti relative all'iniziativa a supporto dei clienti privati

L'iniziativa di Alperia a supporto dei privati non viene applicata automaticamente. Per poter richiedere l'attivazione di questa iniziativa devi compilare l'apposito modulo (clicca qui per scaricare) e inviarlo insieme alla documentazione indicata nel modulo a covidemergency(at)alperia.eu. Sul sito trovi anche modalità, condizione e tempistiche per poter presentare la richiesta.

L‘iniziativa riguarda esclusivamente le voci in bolletta che sono di competenza di Alperia Smart Services: componente energia e commissione per vendita e servizio. In bolletta resteranno quindi solo le voci determinate dallo Stato e dall‘Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

La bolletta purtroppo non sarà di 0€, perché Alperia deve fatturare le tasse (ad esempio le tasse Rai e altri oneri) per lo Stato. Legalmente non possiamo rinunciarvi, in quanto dobbiamo trasmetterle alle autorità competenti.
Rinunciamo a tutto ciò che Alperia non deve far pagare per conto di terzi (prezzo dell'energia, costi fissi per la vendita e l'assistenza, energia verde).

Il termine ultimo per richiedere l'attivazione dell'iniziativa a supporto dei privati e il 10 di giugno.

Qui di seguito troverai invece indicazioni dettagliate sulle tempistiche di richiesta e in riferimento alle tempistiche di richiesta, i mesi a cui sarà applicata l'iniziativa:

  • Richieste pervenute entro il 15 aprile 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di aprile e maggio
  • Richieste pervenute entro il 10 maggio 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di maggio e giugno
  • Richieste pervenute entro il 10 giugno 2020: l’iniziativa si applicherà ai consumi dei mesi di giugno e luglio

Potete beneficiare di questa iniziativa anche se l'intestatario del contratto sei tu e non tuo marito, a condizione che facciate parte dello stesso nucleo familiare.

Per richiedere l'attivazione dell'iniziativa, basta compilare l'apposito modulo (clicca qui per scaricare)  e inviarlo insieme alla documentazione indicata nel modulo a covidemergency@alperia.eu.

Si, l'iniziativa è rivolta ai clienti privati che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica sul mercato libero per l'abitazione principale e quindi non si applica alla fornitura di gas.

L'iniziativa si applica esclusivamente all'abitazione principale quindi potrai fare richiesta solo per il contratto relativo alla tua residenza.

Il modulo per richiedere l'attivazione dell'iniziativa può essere scaricato al seguente link www.alperia.eu/covid

L'iniziativa si applica a tutti i clienti Alperia che nel periodo dal 5 marzo al 31 maggio 2020 sono entrati in stato di disoccupazione o che sono stati messi dal proprio datore di lavoro in cassa integrazione (da comprovarsi mediante adeguata documentazione) e che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica sul mercato libero per l'abitazione principale. Se puoi comprovare che sei entrato in stato di disoccupazione nel periodo dal 5 marzo al 31 maggio 2020, allora puoi presentare richiesta.

Siamo spiacenti, ma purtroppo non rientri nei clienti che possono beneficiare di questa iniziativa. L'iniziativa si applica infatti a tutti i clienti Alperia che sono entrati in stato di disoccupazione o che sono stati messi dal proprio datore di lavoro in cassa integrazione nel periodo dal 5 marzo al 31 maggio 2020.

L'iniziativa a supporto dei clienti privati si applica a tutti i clienti Alperia che nel periodo dal 5 marzo al 31 maggio 2020 sono entrati in stato di disoccupazione o che sono stati messi dal proprio datore di lavoro in cassa integrazione (da comprovarsi mediante adeguata documentazione) e che hanno un contratto di fornitura di energia elettrica sul mercato libero per l'abitazione principale.

Alperia ha però attivato un'iniziativa anche per le aziende concedendo alle aziende locali una moratoria di 3 mesi sul pagamento delle bollette di elettricità e gas. Scopri di più >

 

 

Uno dei requisiti per poter beneficiare dell'iniziativa è che coloro che sono stati messi in cassa integrazione nel periodo tra il 5 marzo e il 31 maggio 2020 non ricevano integrazione della retribuzione al 100% da parte del datore di lavoro. Per questo motivo non rientri fra i clienti che possono fare la richiesta.

Si, a condizione che la retribuzione sia inferiore al 100% della retribuzione abituale.

L'iniziativa è rivolta solo ai clienti del mercato libero di Alperia. I clienti del mercato tutelato non ne possono beneficiare in quanto le loro tariffe sono definite direttamente dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA). Per il clienti di altri fornitori sono applicate le condizioni del proprio venditore.
Se sei un cliente sul mercato tutelato oppure da altro fornitore e sei interessato a sottoscrivere un'offerta con Alperia sul mercato libero, al momento abbiamo delle offerte che sono molto competitive rispetto al mercato tutelato e in più riceveresti un bonus di benvenuto €60.

Al modulo di richiesta devono essere allegate la copia del documento di riconoscimento e la documentazione comprovante la fruizione in cassa integrazione. Accettiamo qualsiasi documento (ad es. lettera del datore di lavoro) oppure documenti dell'INPS o di altre istituzioni, a condizione che:

  • I documenti devono essere nominali (devono quindi riportare il nome e cognome dell'interessato, ad es. una lettera del datore di lavoro a tutti i dipendenti non va bene)
  • Dalla documentazione si deve chiaramente evincere che la messa in cassa integrazione è iniziata tra il 5 marzo (inizio delle prime misure di prevenzione COVID) e il 31 maggio 2020.

Al modulo di richiesta devono essere allegate la copia del documento di riconoscimento e la documentazione comprovante lo stato di disoccupazione. Accettiamo qualsiasi documento (ad es lettera di licenziamento, lettera del datore di lavoro ecc.) oppure documenti dell'INPS o di altre istituzioni (ad es. estratto scheda anagrafica del lavoratore), a condizione che:

  • I documenti devono essere nominali (devono quindi riportare il nome e cognome dell'interessato, ad es. una lettera del datore di lavoro a tutti i dipendenti non va bene)
  • Dalla documentazione si deve chiaramente evincere che lo stato lo stato di disoccupazione è iniziato tra il 5 marzo (inizio delle prime misure di prevenzione COVID) e il 31 maggio 2020.