Chiudi
Cerca nel sito
8 marzo
05.03.2024
- 6 min

8 marzo: le 10 donne più influenti al mondo nel campo della sostenibilità.  

8 marzo

Se è vero che non può esistere uno sviluppo sostenibile senza una piena parità di genere, è innegabile anche il contrario. Il contributo dato dalle donne ai progressi nella sostenibilità ambientale e sociale è determinante per raggiungere gli Obiettivi dell’Agenda 2030. In occasione della Giornata internazionale della donna, vogliamo accendere i riflettori su alcune delle donne che più stanno contribuendo alla rivoluzione social & green del nostro mondo.

  1. Gro Harlem Brundtland: è stata Primo Ministro norvegese per quasi 10 anni consecutivi, nel periodo tra il 1981 ed il 1996. Nel 1983 è stata nominata Presidente della Commissione mondiale sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite, fornendo un fondamentale contributo alla teoria dello Sviluppo Sostenibile. Durante la sua Commissione, ha pubblicato l’omonimo Rapporto Brundtland da cui discende la definizione di Sviluppo Sostenibile che ancora oggi viene considerata più attuale e, al contempo, visionaria: “Our common future”. Lo Sviluppo Sostenibile viene definito come lo “sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri”. Per conoscerla meglio, ti consigliamo di guardare questo video: Gro Brundtland: Our Common Future: Sustainable Development and Addressing Climate Change.
  2. Greta Thunberg: la giovane svedese è diventata il simbolo mondiale della lotta contro il cambiamento climatico. Il suo attivismo ha scosso le coscienze di intere generazioni e l’ha portata a discutere con i più importanti leader globali. La campagna che l’ha fatta conoscere al mondo risale al 2018, quando a soli 15 anni ha indetto lo “Sciopero della scuola per il clima”. Da questa esperienza sono nati i “Fridays for Future”, i venerdì dedicati all’attivismo climatico, che l’hanno portata a parlare di fronte alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, la Cop 24 di Katowice, in Polonia. A seguire, Greta è intervenuta al Forum mondiale economico di Davos e a molti altri summit con l’obiettivo di far sentire la propria voce per direzionare le politiche ambientali. Per conoscerla meglio, ti consigliamo il libro: “La nostra casa è in fiamme”.
  3. ChristianaFigueres: è tra le massime autorità mondiali nel campo del cambiamento climatico e ha ricoperto la carica di Segretario Esecutivo delle Nazioni Unite dal 2010 al 2016, contribuendo alla stesura dell’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico, in cui 195 nazioni sovrane hanno concordato un percorso collaborativo per limitare il riscaldamento globale futuro a meno di 2°C. Figueres è stata Consigliere di Renewable Energy in the Americas (REIA) e nel 1995 ha costituito l’organizzazione senza scopo di lucro Center for Sustainable Development of the Americas (CSDA). Per conoscerla meglio, ti consigliamo il libro: “The Future We Choose: surviving the climate crisis”.
  4. Martina Rogato: per 10 anni attivista di Amnesty International, ha co-fondato Young Women Network, di cui è presidente onoraria e fa parte del Women20 Italy, dove nel 2020 è stata scelta come Sherpa e Portavoce per la presidenza italiana del G20. È stata nominata Co-chair del Women7 per la presidenza italiana del G7 2024 e indicata come una delle 100 donne che stanno cambiando l’Italia. Nel 2022 ha fondato la società di consulenza ESG Boutique. Per conoscerla meglio, puoi guardare il suo Ted X “Tutti possiamo essere Robin”.
  5. Maria Sole Bianco: scienziata esperta di conservazione dell’ambiente marino e divulgatrice naturalistica, nel 2012 è entrata a far parte della World Commission on Protected Areas dell’IUCN, l’Unione Internazionale per la Protezione della Natura. Nel 2013 ha fondato Worldrise, Onlus dedicata alla tutela del mare. Per il suo impegno su questi temi, è stata inclusa dal mensile americano Origin tra i “100 Ocean Heroes” a livello mondiale. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il Premio GammaDonna con la menzione speciale per lo Sviluppo Sostenibile della Commissione Europea. Per conoscerla meglio, ti consigliamo il libro “Pianeta Oceano”.
  6. Pegah Moshir Pour: nata in Iran e cresciuta in Italia, è consulente corporate responsability e attivista per i diritti umani e digitali. In prima fila nella divulgazione social in seguito alla morte di Mahsa Jina Amini e nella denuncia del regime islamico, è stata insignita a Palazzo Montecitorio del premio Internazionale Standout Woman Award e inserita nella lista dei 100 innovatori e innovatrici che hanno fatto la differenza nel 2022 di StartupItalia. Per conoscerla meglio, guarda il suo Ted X “Consapevolezza umana necessaria”.
  7. Bea Johnson: è un’attivista ambientale e autrice ritenuta la madre dello “zero waste lifestyle movement”, il movimento che si impegna per ridurre la quantità di rifiuti prodotti nel quotidiano. Un tema su cui Bea è stata una vera pioniera e una divulgatrice instancabile. Tutta la spazzatura che la sua famiglia produce in un anno può essere messa in un barattolo di vetro delle dimensioni di un pugno. Come c’è riuscita? Per saperne di più, ti consigliamo di leggere il libro: “Zero Waste at Home: The Ultimate Guide to Simplifying Your Life by Reducing Your Waste”.
  8. Giulia Marzetti: è stata consulente nel Regno Unito e in Australia per progetti nell’ambito dell’energia e infrastrutture e ha lavorato alla Direzione Generale per l’Energia della Commissione Europea seguendo numerosi progetti nell’ambito di infrastrutture sostenibili. Come Policy Officer si occupa di coordinare le attività di ricerca e innovazione nell’ambito della sostenibilità a livello europeo. È stata nominata Envirommental Education 30 under 30, è tra le Top 50 Women in Engineering, 50 Rising star in ESG del Financial Times ed è stata finalista al Premio Donna dell’anno. Per conoscerla meglio, ti consigliamo di guardare il suo Ted X “Perché la crisi climatica non è neutrale”.
  9. Jane Godall: è un’etologa e un’ambientalista. Fin da piccola affascinata dal comportamento animale, si è specializzata nello studio degli scimpanzè. È un simbolo della lotta contro il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Nominata messaggera di pace, è Dama dell’Impero britannico, e ha ricevuto moltissime onorificenze da tutto il mondo. Per conoscerla meglio, si consiglia di leggere “Il libro della speranza”.
  10. Federica Gasbarro: è una biologa esperta in sostenibilità e gestione dell’energia in prima linea nella lotta contro i cambiamenti climatici e nella promozione dei diritti delle donne nelle STEM. È stata scelta dal Dipartimento di Stato americano per prendere parte al programma IVLP 2023 ed è tra i 100 volti della campagna InDifesa “Straordinarie. Protagoniste del presente” di Terre des Hommes. Nel 2021, a seguito di un concorso lanciato dal Development Programme delle Nazioni Unite e dal governo italiano, è stata scelta per rappresentare i giovani italiani nei lavori di pre-COP26, COP26 a Glasgow e negli eventi di Youth4Climate. Dal 2019 partecipa ai negoziati sul clima delle Nazioni Unite e nello stesso anno ha partecipato all’Assemblea Generale, tenutasi al Palazzo di Vetro al fianco di Greta Thunberg e altri 99 giovani. È tra i 100 Number One di Forbes Italia. Per conoscerla meglio, guarda il suo Ted X “Non voglio cambiare pianeta”.

 

Leggi anche