Chiudi
Cerca nel sito
rinfrescare senza condizionatore
01.08.2023
- 3 min

I trucchi per rinfrescare la casa senza accendere l’aria condizionata

rinfrescare senza condizionatore

Conoscere i trucchi per raffreddare casa non solo permette di evitare l’utilizzo dell’aria condizionata e fare bene all’ambiente, ma porta anche a un risparmio sulla bolletta elettrica.

In estate, per affrontare le torride temperature, sempre più persone cercano il refrigerio fornito dai condizionatori d’aria. Tuttavia, è importante considerare che si tratta di apparecchi particolarmente inquinanti, infatti, emettono ogni anno tonnellate di anidride carbonica nell’aria e utilizzano sostanze chimiche nocive per l’atmosfera (come l’ossido di azoto o l’anidride solforosa) contribuendo così al riscaldamento globale.

Non solo, i condizionatori consumano molta energia elettrica, creano picchi di carico nelle ore più roventi del giorno e possono contribuire all’inquinamento dell’aria interna. Sono noti, infatti, per accumulare muffe, polvere e altri allergeni. Se non vengono puliti regolarmente, questi contaminanti possono essere diffusi nell’aria interna, causando problemi di salute come allergie e malattie respiratorie.

Sapere quanto inquina un condizionatore è indispensabile per acquisire la consapevolezza necessaria a modificare le proprie abitudini verso un minor impatto ambientale.

Ecco, allora, 10 trucchi per fare a meno dell’aria condizionata e rinfrescare gli ambienti in modo naturale:

  1. Chiudere ed oscurare le finestre. Può sembrare un controsenso, ma quando fuori fa caldo, tenere le finestre aperte fa aumentare la temperatura all’interno della casa. Meglio chiuderle e utilizzare tapparelle, scuri e tende per limitare la quantità di calore che entra in casa.
  2. Tenere le finestre aperte nelle ore notturne. Se le notti sono fresche e ventilate, è consigliato aprire le finestre e chiuderle presto la mattina. In questo modo si potrà catturare l’aria notturna che rinfrescherà per molte ore.
  3. Tenere sotto controllo l’umidità. Quando è molto elevata (80-90%) può creare disagio. Al contrario se è troppo bassa (10-20%) può portare a problemi di salute. Stendere il bucato in casa nelle calde giornate estive, aiuterà a mantenere il giusto tasso di umidità e ad assorbire calore.
  4. Non lasciare in stand-by gli apparecchi elettronici. TV, computer e lampade generano calore anche quando sono in stand-by. Meglio spegnerli completamente risparmiando anche energia.
  5. Utilizzare ventilatori a risparmio energetico. Un ventilatore di classe energetica efficiente consuma una frazione dell’energia che consumerebbe un condizionatore d’aria.
  6. Mettere dei cubetti di ghiaccio davanti al ventilatore. Potrai godere di una piacevole aria rinfrescante mettendo semplicemente dei cubetti di ghiaccio dentro una caraffa davanti al ventilatore.
  7. Utilizzare un raffrescatore. Si tratta di un dispositivo che aspira l’aria e la fa passare attraverso un serbatoio d’acqua (o di ghiaccio) e l’evaporazione che ne deriva raffredda l’aria che viene rimessa nell’ambiente. Inoltre i raffrescatori, utilizzano solo l’acqua come fluido di raffreddamento, per questo motivo sono tecnologie green, utili per le imprese che vogliono essere conformi alle leggi in materia di emissioni di carbonio.
  8. Installare una pompa di calore. Le pompe di calore non solo scaldano l’aria d’inverno, possono anche raffreddarla d’estate. In estate, infatti, le pompe di calore invertono il loro funzionamento: il calore presente in casa viene ceduto all’aria esterna.
  9. Creare facciate verdi. Le pareti ricoperte di piante rampicanti (come la vite americana, l’edera il glicine o il caprifoglio) costituiscono uno strato isolante naturale che protegge dalle alte temperature estive, ma anche dal freddo invernale. In generale, poi, collocare piante su balconi e terrazze aiuta ad assorbire il calore emesso dalle superfici edificate.
  10. Collocare delle piante da balcone vicino alle finestre. Le piante assorbono naturalmente calore e creano ombra

Per rinfrescare la casa in modo naturale è sufficiente seguire alcuni di questi consigli, risparmiando energia, spendendo meno e contribuendo a creare un impatto positivo sull’ambiente.

Leggi anche